CAMBIO AUTOMATICO O CAMBIO ROBOTIZZATO?

Il cambio automatico e il cambio robotizzato sono due tipi di trasmissioni utilizzati nelle vetture, ma presentano alcune differenze significative nel modo in cui funzionano e operano.

Cambio automatico

Il cambio automatico è un tipo di trasmissione che cambia automaticamente le marce senza l’intervento diretto del conducente. È progettato per rendere la guida più comoda e meno impegnativa.

I cambi automatici utilizzano: 

  • Convertitore di coppia: nei cambi automatici tradizionali, viene utilizzato un convertitore di coppia idraulico, che è costituito da due turbine immerse in olio e collegate tra loro. Questo convertitore permette un’accelerazione graduale e fluida senza l’uso di una frizione.
  • Pompa di olio: il cambio automatico utilizza una pompa di olio per gestire la pressione dell’olio all’interno del convertitore di coppia, che a sua volta controlla l’attivazione delle marce.

Questo sistema offre un’esperienza di guida fluida e senza interruzioni.

Cambio robotizzato

Il cambio robotizzato, noto anche come cambio sequenziale o cambio automatico a controllo elettronico, è un tipo di trasmissione che utilizza un sistema elettronico per gestire i cambi di marcia in modo simile a un cambio manuale, ma senza una pedaliera della frizione. Questa tipologia di cambio consente al conducente di selezionare manualmente le marce, utilizzando leve o pulsanti, oppure la selezione può essere completamente automatica in modalità “drive“.

I cambi robotizzati utilizzano:

  • Frizione o attuatore elettrico o idraulico: nei cambi robotizzati, vengono utilizzate frizioni o attuatori elettrici o idraulici per collegare e scollegare le marce. Questi componenti sono responsabili del passaggio delle marce e della gestione della trasmissione della potenza dal motore alle ruote.
  • Unità di controllo/Sistema elettronico: i cambi robotizzati dipendono da un’unità di controllo che monitora costantemente i parametri di guida, decide quando cambiare marcia e controlla l’azione delle frizioni o degli attuatori per eseguire il cambio.

In conclusione, a livello tecnico ciò che il guidatore percepisce differente alla guida sono la tipologia di cambiata e l’esperienza di guida, mantenendo la possibilità di avere un cambio marce automatizzato. Il convertitore o gli attuatori elettrici, insieme agli accoppiamenti meccanici interni, infatti, garantiscono un funzionamento automatico delle marce, con la possibilità, a seconda della tipologia di cambio, di utilizzare la funzione manuale, attraverso le sopracitate leve e/o pulsanti.